L'associazione 'Give him a chance'

Nell'estate del 2012 Claudia Puddu, una ragazza cagliaritana di 18 anni, decise, dopo aver preso la maturità classica, di trascorrere un mese in uno slum di Nairobi per prestare opera come volontaria in un orfanotrofio, il Good Samaritan. Durante questa esperienza piuttosto forte pensò che il suo impegno con quei bambini ai quali si era molto legata non si poteva esaurire con quel mese in Kenya. Decise quindi al suo ritorno di cercare dei modi per raccogliere fondi da destinare all'orfanotrofio perchè potessero migliorare le loro condizioni di vita. Con l'appoggio convinto di Anna Guttuso e Piero Piasotti nacque quindi l'associazione no profit Give him a chance che coinvolse rapidamente tanti amici diventando subito dopo una onlus.

I primi mesi di attività sono stati piuttosto intensi:

  • sono stati organizzati 3 eventi per raccolta fondi di cui abbiamo pubblicato su internet i rendiconti;
  • abbiamo creato il sito web e la pagina facebook dell'associazione:
  • è stato inviato all'orfanotrofio il ricavato delle serate per migliorare la struttura dell'orfanotrofio, soprattutto nella sicurezza, e pubblicato su internet le foto dei lavori effettuati;
  • abbiamo avviato il sostegno a distanza che riguarda già più di 50 bambini dell'orfanotrofio

Da allora periodicamente qualcuno dei soci va a Nairobi, in tempi diversi e ovviamente a spese proprie, per dare una mano nell'orfanotrofio e concordare i prossimi interventi.