Progetto Good Samaritan

Le migliorie nella struttura

Sin dal primo contatto con l'orfanotrofio, avuto da Claudia nel 2012, si è avvertita l'esigenza di intervenire per migliorare l'ambiente nel quale i bambini vivevano. C'era tantissimo da fare:

tutti gli ambienti erano grezzi e, molto spesso, ingombri ed inutilizzabili;

c'erano scale senza ringhiere, balconi senza parapetto e numerose situazioni di pericolo nello stabile;

nel secondo piano non c'erano le finestre;

la cucina era in condizioni pessime;

in caso di pioggia l'acqua entrava dappertutto.

Con la prima raccolta di fondi, partita già nel 2012 quando Claudia era ancora in Kenya, sono stati avviati i primi interventi a cui ne sono seguiti numerosi altri che tuttora continuano, anche grazie alla collaborazioni di altri volontari.

 

L'esterno

L'interno

Le camere dei bambini

La cucina

Il tetto